The show must go IN – Sogni erotici illustrati da Cirulli Marco

Share

Sogni erotici illustrati” è un progetto ideato e realizzato dal giovane illustratore Marco Cirulli.

“The show must go IN” è la prima fantasia che ha avuto modo di illustrare, ne seguiranno altre ma non tutte quelle realizzate saranno presenti sul nostro sito.

Per chi vorrà visionarle tutte è prevista una mostra a ultimazione del progetto, per cui seguite Marco Cirulli attraverso i suoi account social, li trovate dopo la descrizione del progetto sottostante.

 

“Questo progetto consiste nell’interpretare, nel mio stile, sogni onirici e sogni intesi come fantasie erotiche, che siano da realizzare o già realizzate, che mi verranno raccontati. L’obiettivo è di rappresentare in tutto tra le 20-25 fantasie di quelle che mi saranno proposte per poi poter realizzare un’esposizione finale. Un altro obiettivo, più a lungo termine sarà di quello di realizzare lo stesso progetto con persone di nazionalità diverse.

Questo progetto può avere diverse interpretazioni.  Innanzitutto, invita i partecipanti a liberare le proprie fantasie, i propri sogni, senza tabù o pressioni sociali. Inoltre, può indurre a un percorso di autoanalisi facendo ragionare sui propri desideri più intimi, desideri magari repressi, provocando una riflessione su ciò che davvero si vuol fare e realizzare.

Ognuno di noi con sogni e fantasie si racconta in modo più o meno esplicito, e oltre al nostro essere è quello che ci circonda e le diverse esperienze che viviamo che ci portano a essere quello che siamo e desiderare ciò che desideriamo…

Come partecipare?
1.  Avere fantasie o sogni erotici più o anche meno bizzarri, (realizzati o no non ha importanza), l’importante è che siano REALMENTE vostri pensieri.
2. Scrivere il tutto in più o meno righe a seconda della vostra esigenza di racconto. Ricorda: caratteristiche fisiche, ambientazioni, sensazioni, odori, tutto quello che vi circonda quando fantasticate è importante. Ancora di più in questo caso, per realizzare al meglio un’illustrazione della vostra fantasia.
3. Il tutto sarà assolutamente anonimo, c’è però la possibilità di usare esattamente le vostre parole per accompagnare l’illustrazione che verrà creata”

 

Contatti
Facebook: @artATTACKT
Instagram: @marco_cirulli_art_attackt

 

Sogno erotico n.1
“Un mio sogno erotico recente e bizzarro è ambientato in un camerino dove recentemente ho fatto uno spettacolo. Io, che nel sogno apparivo abbastanza formosa e con i miei capelli corti e rossicci, ero poggiata con la schiena ad uno specchio contornato di lucine, mentre dall’altra parte dello specchio, come in un mondo parallelo, c’era un uomo che cercava di farmi entrare nel vetro, per raggiungerlo, tirandomi per le spalle e allo stesso tempo baciandomi il collo. Ricordo una vaga sensazione di piacere mista a quel preciso istante in cui entri man mano nell’acqua gelida del mare e il tuo corpo riceve uno shock termico a gradi. Avevo in bocca un sapore ferroso e l’uomo che cercava di tirarmi a se era sulla trentina, barba e baffi sistemati in modo vintage”.

Sogni erotici illustrati da Marco Cirulli
Titolo opera: “The show must go IN”

Biografia di Marco Cirulli
Marco Cirulli è un illustratore emergente di Torino, Italia. Il suo stile è indubbiamente personale, si presenta come una reinterpretazione grafica del surrealismo in cui prevale il principio olistico che fa sì che il lavoro non sia riducibile semplicemente alle singole parti che lo compongono. I colori brillanti e uniformi presenti in tutti i suoi disegni propongono la sua interpretazione e rielaborazione, molto spesso avvolta nella malinconia, di concetti e immagini di vita quotidiana. Il risultato sono illustrazioni d’impatto dove, oltre all’anatomia sproporzionata, sono presenti anche numerosi riferimenti alla sessualità considerata dall’artista come un elemento integrante della vita quotidiana di ognuno di noi.
L’artista, attraverso giochi di parole nascosti nei titoli che si relazionano alle immagini, riesce a raggiungere un vasto pubblico che comprende persone di ogni età, stabilendo una relazione dialogica tra il suo lavoro e gli spettatori. A ogni sguardo è possibile realizzare nuovi dettagli dell’opera che, lasciando spazio all’immaginazione e alla libera interpretazione, si arricchisce di significati attribuiti dal pubblico.
Perché l’arte è negli occhi di chi guarda…

Share
Etichettato , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X