La bellezza e l’erotismo nell’anima dello stile shunga – Intervista a Matti “Senju” Sandberg

Share

 

“Dipingendo una pornografia libera, posso aiutare a cambiare la mente delle persone su tanti e importanti livelli. Questo mi fa eccitare, cazzo!”. Matti “Senju” Sandberg

matti-sandberg-senju-japanese-porn-pornography-queef-magazine-tsquirt
© Senju Shunga

Senju (Matti Sandberg) è nato a Stoccolma, in Svezia nel 1968. Il suo immaginario erotico e sensuale prende forme con lo stile shunga (letteralmente “pittura della primavera”, tecnica nata nel suo amato Giappone ma celebre in tutto il mondo per la delicatezza e la libertà con cui vengono illustrate scene erotiche. Senju è cresciuto come un bambino iper-sensibile, e questo è un fattore molto importante per la sua crescita come uomo e come artista. Come una spugna assorbe tutte le emozioni delle persone che lo circondano e percepisce la non realtà del modo in cui vivono. Questa consapevolezza influisce la sua arte che non è solo grafica, Senju scrive, scolpisce, fotografa e da giovane ha abbracciato anche il movimento punk iniziando a suonare in un gruppo già all’età di 13 anni. Nel 1991 inizia il suo percorso da tatuatore e questo gli ha dato la possibilità di viaggiare molto soprattutto tra Olanda e Stati Uniti affermandosi come tatuatore a livello internazionale. Eppure si sentiva insoddisfatto.
Nel 2000 Senju fece un cambiamento che per lui si dimostrerà fondamentale. Decise di dedicarsi completamente al tatuaggio tradizionale giapponese, Irezumi. Come tutto ciò intrapreso da Senju nel suo passato, ha assorbito tutto ciò che la cultura giapponese poteva offrigli. In questi anni acquisisce una profonda conoscenza dell’arte, della storia, della cultura e della filosofia giapponese. Parlare con Senju, ascoltare le sue risposte e scoprire la sua anima è stato uno di quei viaggi che non ti dimenticherai mai. Una artista e una persona speciale, così come lo è la sua arte. Ma se non vi fidate delle nostre parole, allora non vi resta che leggere questa intervista e ammirare i suoi lavori.

Matti Sandberge “Senju Shunga”

Domanda.Matti, grazie per averci dato la possibilità di intervistarti. È un vero piacere per noi. Abbiamo letto nella tua biografia che già da piccolo avevi una sensibilità fuori dal comune. Quali erano le tue passioni? Tra esse c’era anche il disegno?
Risposta.Sono nato con una personalità iper sensibile (lo sono ancora). Ciò significa che raccolgo molte più informazioni da ciò che mi circonda e divento emotivamente stanco o esausto più velocemente delle persone “normali”. Ascolto tutte le conversazioni intorno a me anche se non voglio. Percepisco le emozioni e le personalità delle persone che incontro e le sento in modo molto profondo. Per tutta la vita non sapevo di essere nel 20% della popolazione che è così, come sono io. Non riuscivo a capire perché e in cosa fossi diverso. Ha reso molto difficile il mio rapporto con le altre persone, spesso pensavano fossi timido o debole. Circa sette anni fa ho iniziato a capire come lavorano le mie emozioni e a trovare quindi le risposte. Ora provo a sistemare la mia vita in funzione di come la vivo io. Questo spesso significa che le altre persone non mi capiscono, ma a me va bene lo stesso.
Le mia passioni da bambino erano storia e disegno. Sono sempre stato interessato a scoprire perché e cosa ci ha portato a vivere la vita così per come la viviamo ora. Volevo anche sapere perché le persone durante il corso della storia hanno fatto quello che hanno fatto. La ragione del loro comportamento e cosa si potrebbe fare per cambiare i cattivi comportamenti. Questi pensieri sono iniziati molto presto per me. Mi sono anche interessato all’Amore molto presto. Amore serio e profondo Ero molto aperto e quindi vulnerabile. Le mie emozioni erano, e sono, molto profonde e forti. Ho anche imparato che la vita va sempre avanti e un cuore spezzato in realtà non esiste. É stata una scoperta molto bella, ahahah!

 

D.Hai vissuto l’ascesa del movimento Punk in prima persona suonando in alcuni gruppi. Quanto è stata importante questo movimento per la formazione del tuo background?
R.Non ero come gli altri ragazzi della mia età che mi prendevano in giro. Immagino che gli altri ragazzi non abbiano capito la mia sensibilità e come le emozioni possano essere diverse. Proprio come gli uomini adulti, molti ragazzi reagiscono con paura all’ignoto e l’ignoto viene spesso mostrato come aggressivo e violento. Questo è un grande problema per la specie umana. Rende tutti, anche gli uomini che praticano la violenza, a vivere nella paura. Avere paura è una cosa terribile e fa sì che gli esseri umani facciano cose terribili.
Così nel 1979-80, quando ho scoperto per la prima volta il movimento punk, esso mi ha insegnato che era fondamentale vivere senza paura. Non aspettare l’approvazione e non chiedere il permesso per le fare le cose. Difendere ciò in cui credi. È molto utile quando si crea l’arte, che si tratti di dipinti o musica.

shunga-kitsune-erotic-art-japanese-irezumi-japanese-queef-magazine-tsquirt
© Senju Shunga

D.Nel 1991 inizia il tuo apprendistato come tatuatore. Oggi sei un tatuatore e un artista affermato in tutto il mondo. Cosa ti piace del mondo dei tatuaggi?
R.Dal momento che ho tatuato per molto tempo e ho visto molte tendenze andare e venire, devo dire che ritengo che il tatuaggio sia per me un capitolo più o meno chiuso. Almeno nel modo in cui lo facevo prima. Quello che mi piaceva di più del tatuaggio non è più lì ed è ora di passare a nuove cose. Sto ancora pensando di re-inventarmi come tatuatore ma finora non ho ancora trovato alcuna soluzione o idea su come farlo.
Il tatuaggio è stato importante perché in un certo senso era un po’ come il movimento punk. Un mondo all’interno di un mondo all’interno di un mondo. Tuttavia, preferisco creare la mia arte ora senza alcun compromesso a causa dei desideri dei clienti. Se riuscirò a trovare un modo per tatuare attivamente e non dover scendere a compromessi, lo prenderò in considerazione.

 

D.Come nasce il tuo nome d’arte Senju e da dove nasce la tua passione per il Giappone?
R.Senju è il mio nome da artista giapponese. Mi è stato regalato da un famoso tatuatore tradizionale di Yokohama. Come tatuatore ho avuto il titolo di Horimatsu, e ho usato Senju per i dipinti che non erano legati al tatuaggio. Dopo alcuni anni è stato naturale passare completamente a Senju, dal momento che il tatuaggio non era più così importante per me. Puoi dire che Matti (il mio “vero” nome) ed è chi la gente presume che io sia, ma Senju è chi sono veramente. Libero dalle convenzioni e dalle idee del mondo occidentale. Mi fa essere me stesso.
La mia passione per il Giappone era già lì dalla mia infanzia, mentre durante i miei anni l’ho dimenticato e ho seguito altre strade. Quando in seguito questi percorsi si dimostrarono non funzionanti per me, il Giappone era ancora lì ad aspettarmi. Il Giappone come cultura e società è qualcosa che riesco a comprendere e quando sono lì mi sembra di essere a casa mia. Potrebbe sembrare strano ma è la verità. Le culture scandinave o europee sono sempre state molto strane per me. Come se non potessi entrarne a farne parte. Sono sempre stato fuori a pensare; “Di che cazzo stanno parlando?”. Il Giappone è una società molto soulful in cui le cose significano qualcosa, e la bellezza è sentita profondamente e con il cuore.

matti-sandberg-senju-japanese-porn-pornography-queef-magazine-tsquirt
© Senju Shunga

D.Parliamo dei tuoi disegni. Ci siamo innamorati di te proprio grazie alle tue opere erotiche in stile shunga. I tuoi disegni riescono a conservare sia la delicatezza che l’estrema sensualità che caratterizza le illustrazioni giapponesi. Perché hai scelto questo stile?
R.Da quando ho studiato intensamente l’arte e la cultura giapponese per un periodo di 20 anni, la stile dei disegni non mi ha sorpreso particolarmente. Era piuttosto la motivazione alla base della creazione dei disegni Shunga che mi sorprendevano. Era davvero una questione di agire contro tutta la pornografia mascolina, misogina, aggressiva e tossica oggi disponibile su Internet. La mancanza di una educazione sessuale adeguata nella scuola e nella società, ha fatto si che il sesso sia visto come peccaminoso e pericoloso e questa idea l’avrebbero assorbita anche i miei figli. O almeno avrebbero pensato che questo sia il modo in cui il sesso dovrebbe essere e che questo è ciò che ci si aspetta da loro. È orribile e in ogni caso non così eccitante o erotico. Progetta le donne come strumenti o proprietà da utilizzare da parte degli uomini per la loro gratificazione sessuale istantanea e proietta gli uomini solo come dei cazzoni stupidi, aggressivi e violenti. E credimi quando dico che questo avrà davvero un effetto su come le persone vedono e sperimentano il sesso. Lo ha già fatto. Allo stesso tempo pensavo che ciò che veniva solitamente ritratto come erotico fosse anche un po ‘rimosso dal sesso reale e dall’intimità. Così lo Shunga del periodo Edo si è distinto, perché spesso mostrava sesso senza pregiudizi e allo stesso tempo mostrava intimità e fiducia. Quindi volevo sperimentare mostrando scene sessuali esplicite che presentavano emozioni vere come amore, intimità e passione. Ho anche deciso che volevo parlare di tutti i tabù e i pregiudizi incredibilmente stupidi di cui ci circonda la società. Come l’omofobia, gli ideali di bellezza, la mascolinità malata, la disuguaglianza di genere, ecc. Sono un eterosessuale, ma riesco ancora a trovare un cazzo eccitante e bello. Proprio come una donna nuda (o vestita). Questo non mi rende bi o pansessuale. Per me è una questione di abbandonare le mie difese e cercare di decidere da solo. Usare le mie emozioni reali invece di quelle che ho imparato. Questo è ciò che voglio dipingere. Dovrebbe essere dipinto per il cuore umano. Eliminare le idee che io stesso avevo ereditato e imparato sin da piccolo da questa società. C’è anche la questione della positività del corpo. Perché una donna magra è più bella di una donna che non lo è? Facciamo questo giudizio con la nostra mente libera o semplicemente lo impariamo? Perché contiamo la bellezza in chili? Questo è tremendamente noioso e ignorante. Possono due uomini fare sesso e non essere gay? Due donne? E se sono gay, perché dovrebbe esserci una reazione o un problema per la società? Devi avere un grosso cazzo per essere un buon amante?
La società e la pornografia di internet mainstream rispondono alle esigenza di questa sono una macchina perpetua senza volto che macinano le nostre menti da quando siamo bambini piccoli e quando diventiamo adulti inculcandoci una idea distorta di realtà. Questo è il motivo per cui realizzo questi dipinti pornografici. A volte è anche molto eccitante disegnarla e scoprire le reazioni di migliaia di persone su Instagram. Cerco anche di discutere di cose come il femminismo e perché abbiamo bisogno di quel movimento, della necessità della distruzione e smantellamento della cultura dello stupro e della mascolinità estremizzata che ha distrutto e uccide milioni di uomini in maniera ripetuta e infinita come si può vedere dalla storia. Dipingendo una pornografia libera, posso aiutare a cambiare la mente delle persone su tanti e importanti livelli. Questo mi fa eccitare, cazzo!

 

D.Ci sono autori di opere shunga che ti piacciono particolarmente?
R.Dal momento che il grande artista del genere Ukiyo-e nel vecchio Giappone ha creato Shunga, ci sono così tanti artisti talentuosi e grandiosi che è davvero difficile scegliere. Se devo nominare qualcuno dico Katsuchika Hokusai, sua figlia Oi, Kitagawa Utamaro e Keisai Eisen. Se inizi con loro puoi in seguito solo seguire “questo treno”.

shunga-erotic-erotic-art-matti-sandberg-senju-japanese-porn-pornography-queef-magazine-tsquirt
© Senju Shunga

D.Che differenza ritieni ci sia tra l’erotismo orientale e quello occidentale?
R.La più grande differenza tra erotismo giapponese e occidentale è il cristianesimo che ha influito davvero tanto su di noi nelle questioni di sesso, sessualità e amore. Il buddhismo non ha un concetto di peccato per come inteso nel cristianesimo, né è particolarmente efficace quando si tratta di cercare di controllare o intimidire le persone. Gesù Cristo! (il gioco di parole è voluto), il modo in cui le religioni monoteiste hanno fottuto le nostre società è quasi al di là della comprensione.
Con il cristianesimo il sesso diventa sporco e pericoloso e incolpa le donne di averlo fatto. Non c’è da meravigliarsi che il porno si evolva nel modo in cui lo fa. Se studi la Bibbia un po’ capirai cosa sto dicendo. E il giudaismo è il fondamento del Cristianesimo e dell’Islam, che sono la sua continuazione. Sono tutti molto simili perché provengono dalla stessa fonte, che deve essere l’insicurezza maschile e il bisogno di consolidare il potere sugli altri esseri umani. È sorprendente e tragico che questi libri, il vecchio testamento, il nuovo testamento e il Corano governino così tante vite, in particolare la vita delle donne. Dai un’occhiata a cosa dicono questi libri sulle donne e capirai un po ‘da dove viene tutto.

matti-sandberg-senju-japanese-porn-pornography-queef-magazine-tsquirt
© Senju Shunga

D.Pittura, fotografia, scultura, design, tatuaggio e scrittura. Cosi ti appassiona in ciascuna di queste arti? C’è un arte tra queste che preferisci? Se si, perchè?
R.Sono appassionato di tutto ciò ma non li pratico contemporaneamente. La scultura è quella che ho fatto di meno e la mia fotografia è più incentrata sulle sensazioni che provo quando vado in Giappone. Sono paesaggi e contesti urbani, fiori e legno, e naturalmente sono appassionato nel fotografare Maiko (apprendista Geisha) anche se questo non è per me qualcosa di erotico. È più una questione di bellezza e il mondo è un posto fantastico. La pittura è il mio mezzo principale. E ogni volta che mi siedo per scrivere, mi rendo conto che è probabilmente quello in cui sono più bravo. Adoro scrivere! E tutte le altre cose!

queef-magazine-shunga-erotic-art-ikkyu-tsquirt-irezumi-japanese-tattoo
© Senju Shunga

D.Vivi e lavori a Umea, in Sveglia, insieme a tua moglie Anna Sandberg, anch’essa artista. Vi capita di condividere e collaborare in progetti comuni? La Svezia è sempre stata avanti in ambito artistico, basti pensare al design. Tre artisti che ci suggeriresti?
R.Io e Anna non abbiamo mai lavorato insieme, ma abbiamo lavorato parallelamente per altri. Condividiamo lo stesso spazio quando dipingiamo, parliamo molto e ci confrontiamo su quello che stiamo facendo. Prima o poi ci chiediamo aiuto e ci diamo input quando siamo bloccati. Ultimamente anche Anna sta dipingendo Shunga ed è molto eccitante vedere come può essere la sua visione erotica.
Per quanto riguarda gli artisti svedesi, non sono molti quelli che mi influenzano, ma Carl Larsson, August Strindebrg (come pittore) e Anders Zorn li amo.

 

D.Prima di salutarci ti ringraziamo nuovamente per il tempo che ci hai concesso e ti poniamo un ultima domanda. Cosa ti auguri per il futuro sia in campo artistico che in campo professionale? Svelaci un tuo sogno.
R.Quello che desidero, e lavorare per tutte le mie ore di veglia e di essere in grado di fare una vita decente grazie ai miei dipinti, così da poter dipingere con costanza. Devo e voglio mangiare noodles un po ‘più spesso rispetto a ora, ahahaha. E voglio fare mostre! Molte mostre! E incontrare i visitatori e parlare dei miei dipinti e rispondere alle loro domande. Mi piacerebbe davvero molto. Ovviamente vorrei stare più tempo possibile in Giappone. Mi fa male stare lontano da casa.
Grazie per le domande davvero interessanti e spero che le mie risposte non siano state troppo lunghe o che abbia esagerato troppo. Grazie Mille

Contatti
Sito: senjushunga.com
Instagram: @senjushunga

Share
Etichettato , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *