È permesso? La stimolazione del perineo raccontata da chi l’ha praticata

Share

Bussare prima di entrare è sempre sinonimo di educazione e rispetto. Dopo aver dato voce a chi pratica o ha praticato la stimolazione del perineo (CLICCA QUI per leggere l’articolo), in questo articolo/intervista vi  verrà raccontato il punto di vista di chi questa stimolazione l’ha praticata. Quattro ragazze e un ragazzo vi sveleranno la propria esperienza rispetto a questo massaggio magico dal finale super felice. Se siete tra chi non ha mai provato a praticarlo, o a riceverlo, ma l’idea vi incuriosisce parlatene con il proprio o la propria partner, vi si aprirà un mondo… e non solo quello. La curiosità nel sesso è il principio per cui si “muovono” gli orgasmi, ma ognuno ha le sue, quindi non sentitevi giudicati se non siete pronti a dare o ricevere la stimolazione del perineo, così come non dovete sentirvi giudicati se invece la praticate. Non esiste giudizio, ma solo piacere. Prima della lettura di questo articolo vi consigliamo di controllare la lunghezza delle unghie, che siano corte mi raccomando, lavate per bene le mani e tenete a portata di dito un buon lubrificante a base di acqua. Non si sa mai… vi dovesse venir voglia. Ringraziamo di cuore Jasmine Biasotto, per aver realizzato un illustrazione appositamente per noi,  e anche Cyndi, come Cyndi Lauper, la nostra preziosa amica che ci ha suggerito il tema della stimolazione  del perineo come argomento da trattare. La canzone scelta per questo articolo è “Fammi entrare” di Marina Rei. Cantiamola insieme “Fammi entrare nei tuoi sogni, fammi entrare, non importa quanto mi dovrò fermare, non importa quando ti vedrò arrivare, ogni cosa sembrerà normale” e poi… buona stimolazione a tutt*.

jasminebiasotto, perineo, queefmagazine, tsquirt, chiamamiconiltuonome
© Jasmine Biasotto (CLICCA QUI per visionare le stampe di Jasmine in vendita sul nostro sito)

Per rispettare la volontà di anonimato delle ragazze, e del ragazzo, che ci hanno rilasciato l’intervista, le chiameremo con nomi fittizi.
Leila come la Principessa Leila, anni 29,

Nefertiti, come la regina egizia Nefertiti 35 anni.
Billie come Billie Holiday, 30 anni
Salomè come la principessa giudaica Salomè 36 anni
Lawrence come Lawrence d’Arabia, 27 anni

 

Domanda.Quando e come è stata la tua prima volta?
Leila.Una decina di anni fa, ne avevo poco più di 20. Frequentavo quest’uomo di una quindicina di anni più grande. Eravamo a casa sua, ho allungato un po’ le dita e l’ha presa subito bene. Era supino e gli stavo facendo una sega nel mentre.
Nefertiti.È stata circa 15 anni fa, intorno ai 20 anni. È stato un gioco molto divertente con un mio compagno di giochi sessuali del tempo. È stato un esperimento, un gioco direi.
Eleonora.La prima volta è stata non tanto tempo fa…forse un annetto.
Salomè.A 26 anni col mio ragazzo mentre facevamo sesso, me lo ha chiesto lui e la cosa mi ha sorpresa parecchio dato che era un super nerd e aveva avuto solo un’altra ragazza prima di me.
Lawrence.Più o meno 5 o 6 anni fa, era la mia prima relazione seria, e fu proprio lui a guidare la mia mano nella zona del perineo e a muoverla per farmi comprendere.

 

D.Un dito o due dita?
Leila.La prima volta una. Aspetto la seconda per il secondo, per non traumatizzarli.
Nefertiti.La prima volta fu un dito, poi ho imparato a stimolare sempre più l’ano e ora la mano completa, sono passata direttamente al fisting.
Eleonora.All’inizio un dito…ora tendo ad essere violenta e uso il pugno, le nocche.
Salomè.Un dito.
Lawrence.Due dita.

 

D.Pressione continua facendo cerchietti/o avanti /dietro oppure a intermittenza tipo pulsante?
Leila.Prima la prima, poi anche la seconda ma sono in meno a gradirla. Se si riesce ad entrare, poi si dovrebbe restarci e lavorare da dentro.
Nefertiti.Decisamente cerchietti e molto dolcemente. Poco alla volta più vigorosi, ma sempre lentamente.
Eleonora.Vado sotto e sopra e a volte circolare, poi cambio uso il pollice o l’indice dipende, ma sempre dal basso verso l’alto.
Salomè.Prima cerchietti per preparare e rilassare la zona, poi intermittenza tipo pulsante(è il massimo) ma anche avanti e indietro e soprattutto RUSTY TROMBONE!!!
Lawrence.Continua ma è più dall’alto verso il basso e viceversa, a volte metto indice e medio a V così da stimolare con le dita l’inguine e con la congiuntura (delle dite) il perineo; altre volte uso le nocche sempre di indice e medio.

 

D.Come ci si accorge che si sta facendo bene e nn il solletico o qualcosa di inutile?
Leila.Tu come capisci se una donna gode, scusa? Dalle espressioni del viso, dal contarsi dei muscoli, in particolare io mi baso sui versi di piacere.
Nefertiti.Si sente che la zona stimolata si rilassa e apre sempre di più.
Eleonora.Mi accorgo dalla durezza della base del pene e dalla durezza dei testicoli.
Salomè.Ehhhh se godi come un pazzo stai facendo bene.
Lawrence.I muscoli del pavimento pelvico si tendono e diventano durissimi e li sento contrarsi, nel caso contrario non succede granchè e allora rinuncio.

 

D.Quanta pressione e per quanto tempo?
Leila.La pressione dovrebbe crescere gradualmente a mio avviso. Di solito bastano un paio di minuti.
Nefertiti.È una cosa molto soggettiva. Bisogna stare in ascolto con l’altra persona. È soprattutto uno scambio e richiede fiducia.
Eleonora.Pressione tanta tanta e per il tempo che decido io, se voglio o meno farlo venire.
Salomè.Non mi ricordo/non saprei, vado a intuito, mi faccio guidare molto dalle reazioni dell’altr*.
Lawrence.Dipende se si vuole arrivare all’orgasmo, ma per un tempo che va da una manciata di minuti fino ad un 15 min (credo).

 

D.Il punto preciso del piacere come si scopre?
Leila.Lo senti proprio con le dita percorrendo le pareti interne che c’è una sporgenza, solo è molto in profondità. Suppongo sia la ghiandola prostatica. È tipo un bottone magico!
Nefertiti.Si scopre indagando. Le persone ce l’hanno in punti diversi, ma stando in ascolto si capisce quando si è trovato il punto giusto da stimolare. Comunque all’inizio la parte più esterna, più si fa intenso e più si va all’Interno, soprattutto nella parte di carne diciamo interna, verso i genitali.
Eleonora.Seguendo le sue reazioni.
Salomè.Te ne accorgi quando cambia il respiro dell’altra persona o dai mugolii di piacere.
Lawrence.Semplicemente parlandone tranquillamente (cosa che a me piace e mi eccita molto) o semplicemente andando per tentativi e vedere come risponde l’altro a livello pratico.

 

D.A detta dei ragazzi a cui lo hai praticato, in cosa é più bello il raggiungimento orgasmo…quanto é più intenso o diversamente piacevole?
Leila.Alcuni lo trovano un valore aggiunto, dicono che rende l’orgasmo decisamente più intenso. Altri che è completamente diverso, una sensazione a parte.
Nefertiti.È più intenso come esperienza. È un orgasmo più forte e forse anche più atteso psicologicamente. Non so perché, ma il fatto che socialmente sia ancora un tabù lo rende più entusiasmante come tipo di piacere.
Eleonora.Non ho mai chiesto…solo uno mi ha detto che era strano e piacevole. 
Salomè.L’orgasmo raggiunto con la stimolazione perianale è in assoluto il più intenso, almeno per me e a detta di chi lo ha provato con me.
Lawrence.Per la maggior parte, quando è più intenso. Credo che sia proprio la stimolazione di questa zona ad intensificare l’orgasmo.

 

D.Piace anche a te stimolare con questa tecnica il tuo partner e , se si, quanto ti manca nel momento in cui non trovi a chi praticarla?
Leila.Si mi piace molto, sono bisessuale quindi fare all’uomo qualcosa che mi ricorda quello che faccio alle donne mi sfizia. Ne soffro abbastanza, mi scoccia ci sia chiusura verso la sperimentazione sessuale: mi rendo conto che non posso pretenderlo, ma anche i più restii se poi si lasciano andare ci vanno sotto quindi una ci prova, no?
Nefertiti.È una pratica che mi piace molto. Sia sugli uomini che sulle donne. Per me il piacere sessuale in un rapporto è fondamentale perciò cerco sempre di trovare punti in comune per soddisfare fantasie e piacere. Tendo a spingere tutt* i mie* partner a sperimentare le mie varie fantasie.
Eleonora.Mi piace far provare piacere, ma non mi manca non farlo sinceramente. 
Salomè.Piace anche a me stimolare questa zona al mio partner, quando frequento qualcuno che invece è contrario penso sempre che si perde una gran cosa e allo stesso tempo sono un po’ snob/penso non sia un partner sessuale che vada bene per me.
Lawrence.Abbastanza.

 

D.Con che frequenza ti capita di trovare ragazzi a cui piace questa stimolazione?
Leila.C’è da dire che me li scelgo belli aperti di mente, ma è molto più frequente di quanto immaginassi.
Nefertiti.Devo ammettere che anche se molti partono prevenuti, poi con un po’ di dolcezza e ascolto, ci si arriva facilmente.
Eleonora.Capita spesso, anche se a volte è capitato che hanno rifiutato per “orgoglio maschile”. 
Salomè.Mi capita molto di rado di frequentare persone contrarie a questa pratica/che non vogliono mettere in discussione il loro orientamento sessuale.
Lawrence.Con molta frequenza.

D.Questa pratica ha mai messo in discussione la sessualità del tuo partner? Oppure credi che per lui sia vista semplicemente come un modo per godere di più?
Leila.Guarda, è capitato che pensassi di qualcuno che fosse bisessuale ma non riuscisse ad ammetterlo, ma perché oltre alla stimolazione anale con dita e strap-on mi sembrava attratto anche dagli uomini in sè. Per il resto penso sia una questione meramente fisiologica: è una zona piena zeppa di terminazioni nervose e da piacere, tutto quí. Le donne che danno il culo sono lesbiche perché fanno qualcosa che secondo l’opinione comune fanno principalmente gli uomini omosessuali? Tutt’al più deduco che non è confinato in stupidi stereotipi e si sa godere la vita senza paranoie machiste.
Nefertiti.Sicuramente a priori ha messo in difficoltà molti partner, con il tempo però hanno capito che non c’è nulla da mettere in discussione. Che il piacere è piacere.
Eleonora.Per il mio attuale partner è un piacere!!
Salomè.Solitamente questa pratica viene vista dai miei partner solo come un modo di raggiungere un orgasmo più intenso o come un qualcosa di trasgressivo/fuori dal comune. Mi sarà capitato max 2-3 volte qualcuno che mi ha detto:”Lì non devi manco sfiorarmi”.
Lawrence.Per quanto riguarda il sesso omosessuale a essere messa in discussione potrebbe essere la percezione della propria mascolinità. Il gesto di stimolare il perineo ricorda (a livello gestuale) tutto l’immaginario del sesso etero della stimolazione della vagina; in fin dei conti proprio quella è una zona franca, “la terra di nessuno” dove se si vuole si può immaginare di trovarsi una fica, e in alcuni casi la volontà di sembrare quanto più maschio possibile porta a respingere questa stimolazione (pur accettando il sesso anale passivo eh). Però forse sono vaneggiamenti miei.

 

Sesso consapevole
Questa pratica, come tutte quelle dove c’è un interazione tra ano e bocca, ti espone alle malattie sessualmente trasmissibili. Falla solo con persone che si sottopongono regolarmente ai test per le mst.

 

Curiosità

Sex Toys
Il dito non ti basta più? Vuoi provare emozioni più intense e profonde? In commercio ci sono tanti sex toys che possono aiutarti in questa tua nuova esperienza. Abbiamo chiesto a DirtyLove, boutique del piacere di Milano ma presente anche in rete con un fornitissimo e-commerce, di consigliarcene uno.   La scelta è ricaduta su Aneros – Eupho Classi,  stimolatore prostatico ideale per iniziare un nuovo viaggio del piacere anale.
L’Eupho dalla forma delicata ha una testa piccola e gambo più sottile, il che significa che si muoverà più degli altri modelli Aneros. Invece di esercitare pressione sull’intera prostata, l’Eupho massaggia le diverse parti a seconda delle contrazioni dello sfintere anale dell’uomo.
Le curve morbide e il design ergonomico consentono un graduale aumento delle sensazioni fisiche per portarti al livello successivo. Visitate il sito dirtylove.it è scegliete anche voi il vostro nuovo compagno di “viaggi”.

sextoys, queefmagazine, tsquirt, dirtylove, perineo
Aneros – Eupho Classic, oltre che pratico è anche bello. Da tenere sul comodino. 

 

Rusty Trombone
In una delle risposte dell’articolo viene citato il “rusty trombone”, ma cos’è?
Il rusty trombone è una pratica sessuale in cui un uomo sta in piedi con le ginocchia e la schiena dritta, con i piedi e le gambe leggermente aperti e l’anca lievemente ruotata in avanti. La donna tipicamente si inginocchia dietro l’uomo ed esegue un’anilingus arrivando fino sotto i testicoli (ndr – in questo modo si stimola in perineo e quindi indirettamente anche la prostata ), contemporaneamente pratica una masturbazione al pene del partner, imitando i movimenti usuali di quando si suona un trombone. L’atto è definito principalmente dall’orientamento fisico delle parti e la combinazione di anilingus con la stimolazione sessuale manuale; tuttavia, sono possibili altre posizioni e variazioni della pratica. ( fonte: wikipedia.org/wiki/Rusty_trombone ).
Consigli per “suonare” un Rusty Trombone come si deve nell’articolo del Cosmopolitan che potete leggere CLICCANDO QUI.

rustytrombone, queefmagazine, tsquirt, perineo
Il modo più classico di “suonare” il trombone.
Share
Etichettato ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *