Hey! Oh! Let’s Porn! Il porno punk come ideale – Intervista al regista Bruce LaBruce

Share

“Una volta scherzando ho detto che la pornografia “is the wave of the future”! La pornografia per me è qualcosa di molto profondo, una rappresentazione esplicita del sesso che è sempre esista da quando gli uomini hanno fatto arte.” Bruce LaBruce

the-misandrists-brucelabruce-queer-lgbt-queefmagazine-tsquirt
“The Misandrists”

Punk, sovversivo, ironico, Bruce LaBruce, al secolo Justin Stewart, è un icona della cinematografia underground. Fotografo, regista, scrittore è celebre in tutto il mondo, soprattutto nel movimento Queer. Fu infatti proprio lui uno dei creatori del movimento sociale e artistico “Queercore” emerso negli anni ’80. LaBruce ha scritto e diretto lungometraggi e cortometraggi dallo spirito provocatorio e per molti ritenuti controversi, alcuni dei quali sono riusciti ad amalgamare tecniche e linguaggio del cinema indipendente con la pornografia gay. I suoi film sono ritenuti cult da coloro i quali ricercano mediante narrazioni trasgressive ma allo stesso tempo poetiche una discussione critica su argomenti che spaziano tra la politica, la libertà sessuale, il patriarcato,il tema del genere. In due parole Bruce è politicamente scorretto, e per questo lungimirante. La sua personalità ha influenzato numerosi artisti del calibro di Harmony Korine, Kurt Cobain o Jeff Koons. Tra i molti musei che hanno esposto mostre del suo lavoro c’è il MoMA di New York, che ha organizzato una retrospettiva nel 2015. Con i suoi lavori ha partecipato a festival internazionali come il Festival Internazionale del Cinema di Berlino dove vinse il Teddy Award nel 2014, che ricordiamo è un premio assegnato durante il festival a  film con tematiche LGBTQI. Per chi conosce già LaBruce o per chi invece vuole approfondire la sua visione di cinema vedendo un suo film, l’Hacker Porn Film Festival offre questa possibilità con la sezione Focus La Bruce. Il festival, dal 24 al 30 Aprile a Roma presso gli spazi dello Sparwasser e del 30 Formiche, proietterà due suoi lungometraggi. I film scelti per questa seconda edizione del festival sono “The Misandrists”, film su una segretissima armata di amazzoni lesbiche e il loro progetto rivoluzionario contro il patriarcato, e “It’s not a pornographer” un film ad episodi, poetico e cinico, porno e sperimentale.
Doppio appuntamento da non perdere per chi ha la fortuna di essere nella capitale o nelle sue vicinanze in questo fine mese di Aprile. Come da non perdere la nostra intervista, in cui Bruce non si è certamente risparmiato.

Bruce LaBruce

Domanda.Bruce, siamo molto felici di intervistarti, e sono tante le domande da chiederti. Come argomento per conoscerti meglio “utilizzeremo” i due lungometraggi che saranno proiettati all’Hacker Porn Film Festival: THE MISANDRISTS e IT’S NOT A PORNOGRAPHER. Il primo racconta le vicende di un’armata di amazzoni lesbiche e il loro progetto rivoluzionario contro il patriarcato. In questo film c’è tanto del tuo cinema, quali sono secondo te i messaggi più importanti che lo spettatore dovrebbe cogliere guardandolo?
Risposta.Come molti dei miei lavori, considero “The Misandrists” una film polemico. È una dissertazione sul femminismo e sulle questioni transgender che fanno parte del dibattito femminista.Ma, come in altri miei film, esprimo l’ambivalenza su certe voci del femminismo e presento i problemi in modo volutamente ambiguo. Non è una critica diretta o semplicistica del femminismo perché rappresento l’ argomento, e le donne in generale, sotto la lente dell’estetica e dei film classici, come quelli che hanno tematiche di sfruttamento,di drammi femminili, ecc. I miei film spesso abbracciano e sostengono alcuni argomenti o problematiche, in particolare quelli che riguardano la sinistra, utilizzando come mezzo il sarcasmo e la critica. Ad esempio, capisco e apprezzo alcuni aspetti dell’essenzialismo femminile e la nozione di destino biologico, ma sono anche solidale con l’idea di genere e identità che viene costruita o eseguita come una valida percezione della realtà. In termini freudiani, credo che l’individuo sia una complessa combinazione di natura e cultura. “The Misandrists” solleva questi problemi in modo altrettanto complesso, lasciando al pubblico la possibilità di capire non tanto ciò in cui credo, ma ciò in cui credono.

 

D.Big Mother è la leader dal polso di ferro della cellula del Fla (Female Liberation Army) che educa le ragazze all’amore lesbico anche attraverso la pornografia e si finanzia producendo video porno. Che importanza ha per te il porno e perchè?
R.Una volta scherzando ho detto che la pornografia “is the wave of the future”! La pornografia per me è qualcosa di molto profondo, una rappresentazione esplicita del sesso che è sempre esistita da quando gli uomini hanno fatto arte. Come dice Camille Paglia: “ il Vaticano ha la più grande collezione di pornografia del mondo!”. La pornografia opera su un inconscio sessuale collettivo, interpretando anche le nostre fantasie più politicamente scorrette in un forum che ci consente di esprimere, non reprimere, la nostra sessualità. (La repressione sessuale, specialmente la repressione in eccesso, finisce sempre male!). Quello che manca, in molti pensieri contemporanei quando si parla di sessualità, è riconoscere che può essere un lato oscuro e infido di noi stessi che viene dall’Io. Qualcosa di molto aggressivo e primitivo che può essere rischioso e pericoloso. La pornografia ci offre un modo per vivere questi impulsi oscuri nel regno della fantasia come una sorta di catarsi. Ovviamente, essendo Bruce LaBruce, sono anche ambivalente riguardo alla pornografia, in particolare al porno industriale, tanto da aver chiamato il libro, prematuro, delle mie memorie “The Reluctant Pornographer”. So bene che sia la pornografia che la prostituzione sono soggette a uno sfruttamento grossolano, in particolare per le donne che non hanno tutela in questo sistema. Ma proprio per questo che è ancora più importante che artisti e altre persone facciano porno che non sia sfruttamento e che dia alle donne la giusta considerazione. In The Misandrists, Big Mother e FLA fanno porno per scopi politici e idealistici e per motivi pratici, finanziano la loro rivoluzione. In termini reichiani, usano il porno e l’orgasmo femminile come una specie di strumento di guarigione e come espressione di affermazione e celebrazione della sessualità lesbica. Personalmente, ho sempre usato il porno per scopi artistici e politici, o anche come propaganda. Il porno è una grande entità, quindi può e deve essere usato in vari modi. È un mezzo perfetto per comunicare con il pubblico, che lo guarda in uno stato mentale ricettivo e aperto, libero dalla repressione sessuale.

the misandrists - brucelabruce - queer - lgbt - queefmagazine - tsquirt - porno - hackerpornfilmfestival
“The Misandrists”

D.Nel film Isolde si definisce “ separatista tra i separatisti”. Per chi ha un passato o un presente nelle sottoculture c’è sempre un po’ di diffidenza tra gli adepti a tali movimenti. C’è sempre il sospetto che essi possano imborghesirsi e diventare moda, perdendo il loro spirito antagonista. Come definiresti la figura di Isolde ? E come hai vissuto il tuo coinvolgimento nella scena punk anni ’80?
R.Isolde dice di essere “una separatista tra i separatisti” e che è orgogliosa di essere considerata “scismatica”. Spesso nei miei film includo questo tipo di personaggio, da Skin Flick a The Raspberry Reich a Otto o Up with Dead People. Infatti, in quest’ultimo film, il personaggio di Media Yarn, regista lesbica, intraprende la sua rivoluzione con l’arma del porno gay maschile, esprimendo il suo femminismo e il suo lesbismo in un modo chiaramente controcorrente e politicamente scorretto. Negli anni ottanta mi sentivo emarginato dalla comunità gay mainstream perché ero un punk che frequentava soprattutto “le dighe”, e non avevo come riferimento le basi borghesi del movimento gay. Ma quando sono diventato più coinvolto nel movimento punk, mi sono reso conto che c’era anche omofobia e sessismo in quella sottocultura reputata radicale. Quindi mi sentivo come marginalizzato da entrambi gli ambienti. Sono anche stato un artista e un cineasta che è stato rifiutato dal mondo dell’arte per essere troppo pornografico e rifiutato dal mondo del porno per essere troppo artistico! Quindi mi sono sempre considerato una specie di radicale libero fluttuante, qualcuno che si muove tra scene e sottoculture ma non è mai stato a suo agio identificandosi completamente con un movimento o un gruppo in particolare. Ho imparato a essere critico nei confronti di gruppi o movimenti o sottoculture con cui posso avere una sorta di identificazione periferica o provvisoria. È la vecchia strategia di Genet di sostenere lo spirito rivoluzionario ovunque, ma non aver paura di criticare o addirittura rifiutare e abbandonare movimenti che sono diventati troppo dottrinari nella loro politica, o troppo convenzionali, o troppo alla moda, o troppo noiosi!

the misandrists - brucelabruce - queer - lgbt - queefmagazine - tsquirt - porno - hackerpornfilmfestival
“The Misandrists”

D.Nel film si respira a volte un aria da fiaba a volte da horror e inoltre riesci a coniugare una visione punk con una più pop. Possiamo dire che sei il “Re della sintesi”. Come ci riesci?
R.Grazie! Lo userò anche io. Il re della sintesi! Si tratta di dialettica. È un equilibrio molto delicato e una formula complicata. A volte due forze che sembrano totalmente opposte possono avere molto in comune. Lo vedi quando l’estrema sinistra e l’estrema destra iniziano a diventare in qualche modo indistinguibili l’una dall’altra. In termini contemporanei, voi avete la sinistra neo-stalinista – che sta diventando sempre più autoritaria, che incoraggia le persone a informarsi e riferire a vicenda, o promuove la censura o la sospensione delle libertà civile, o sostiene la polizia del linguaggio e del desiderio – e il diritto neofascista, che in fin dei conti riguarda il controllo autoritario, e che ora usa l’inesattezza politica come arma, una strategia presa a prestito dalla sinistra. (Il mio film “Ulrike’s Brain” parla proprio di questo fenomeno.) Quindi cerco sempre di evidenziare questo tipo di contraddizioni. I miei film sono sempre stati basati sullo scontro di generi, ad esempio, nel mio primo film, No Skin Off My Ass, giustapponendo un hardcore punk e un’estetica cinematografica sperimentale underground a una “romantic comedy” e “melodrama”. Penso che sia d’aiuto che io sia un cinefilo assoluto e che io abbia un vivo apprezzamento per il cinema in generale, e in particolare per i film di genere. Mi piace anche il modo in cui la giustapposizione di generi apparentemente incompatibili produce un significato nuovo e inatteso, e che l’esercizio attira anche l’attenzione sulle convenzioni dei generi, e gioca con loro o li sfida. Con The Misandrists, ho unito un sacco di generi – il genere Reform School Girl (che fa riferimento soprattutto a “Bambule” di Ulrike Meinhof), film porno softcore anni settanta, horror, film drammatici di Hollywood (che fa riferimento a The Beguiled di Don Siegel e Robert Aldrich’s The Dirty Dozen). Ma sì, ci vuole un po’ di magia per far funzionare tutto!

the misandrists - brucelabruce - queer - lgbt - queefmagazine - tsquirt - porno - hackerpornfilmfestival
“The Misandrists”

D.L’altro lungometraggio presente al festival è “It Is Not The Pornographer That Is Perverse”, film composto da quattro episodi, poetico e cinico, porno e sperimentale. Com’è nasce questo film?
R.It Is Not The Pornographer That Is Perverse” è un film commissionato dalla Cockyboy, casa di produzione di film porno statunitense Cockyboys. Mi piaceva quello che stavano realizzando, così ho incontrato Jake Jackson per discutere di una collaborazione. Ho proposto un sequel di Hustler White (che potrebbe ancora essere realizzato). Ma abbiamo deciso di iniziare con una serie di cortometraggi porno usando attori del loro “roster”. Ne ho fotografati due a Madrid e due a Berlino. L’idea era di fare del porno di fascia alta con team di film professionisti che fosse più cinematografico e / o concettuale rispetto al solito prodotto “bland” pornografico di oggi.

 

D.Uno degli episodi è ispirato al cortometraggio di Pasolini “La terra vista dalla Luna”. Come nasce questo omaggio a quello che da molti è stato definito uno dei più grandi intellettuali del ‘900 italiano?
R.Adoro la qualità giocosa e comica di alcuni cortometraggi di Pasolini, in particolare “La Terra Vista Dalla Luna”. In quel film, un padre che, con suo figlio, ha appena seppellito sua moglie in un cimitero, inizia immediatamente a cercare una che la sostituisse tra i presenti allo stesso cimitero. È un’idea molto irriverente, sia sacrilega che esilarante. Nella mia versione, un piccolo diavolo emerge dalle viscere dell’inferno in un cimitero per sedurre i dolenti maschi. La connessione freudiana tra sesso e morte è sempre stata una sorta di fissazione per me, e quasi tutti i miei film hanno scene di cimitero, spesso coinvolgenti, da “Super 8 ½” a “Hustler White” a “Skin Flick” a “Otto” a “The Bad Breast” a “Pierrot Lunaire”. Pasolini è il maestro, quindi volevo rendergli omaggio in un film porno e sono sicuro che se fosse ancora vivo anche lui avrebbe fatto un film porno prima o poi! Condividiamo anche una grande riverenza per gli “hustler”!

ItIsNotThePornographer - brucelabruce - queefmagazine - tsquirt - porn
“It Is Not The Pornographer”

D.A proposito di Pasolini. Una cosa che sicuramente vi accomuna è la vostra critica alla classe media, alla borghesia. Come nasce in te questo sentimento di avversione?
R.Sono nato in una piccola fattoria e cresciuto sotto la soglia di povertà, quindi il mio legame con una coscienza della classe operaia non è accademica. La semplicità della vita, l’anti-materialismo e l’umile connessione con la natura sono sempre stati con me. Ho sempre creduto fin da piccolo nell’egualitarismo e nei principi socialisti.

 

D.Il cinema come il tuo, che noi definiremo rivoluzionario e politicamente scorretto, non è ben visto dai circuiti mainstream. Credi che ci sia una questione di paura, pudore, o cos’altro?

R.I miei film sono stati per lo più realizzati con un basso budget e sono sessualmente espliciti e quindi difficili da commercializzare. Inoltre, non uso le star per vendere l’immagine perché è impossibile farle scopare in un film, quindi questo limita davvero la commerciabilità del film. “The Misandrists”, tuttavia, verrà proiettato negli Stati Uniti alla fine del prossimo mese a New York e Los Angeles, e molto probabilmente in almeno altre dieci città degli Stati Uniti. A volte penso che sia un fallimento dell’immaginazione dei distributori provare a introdurre sul mercato film difficili e poco costosi, ma il mio nuovo distributore, Cartilage, sta facendo un ottimo lavoro di vendita ai cinema.

 

D.Per fortuna ci sono i festival e, oggi, anche il web. Proprio il web, che importanza può avere per la diffusione di culture alternative?
R.Internet è “follemente” ottimo per promuovere e distribuire film, e molte promozioni possono essere fatte gratuitamente con i social media. Nel 1991, con il mio primo film, “No Skin Off My Ass”, ho duplicato le copie da solo in un negozio, ho fatto delle foto sul set per la promozione (cosa che faccio tuttora) e ho spedito ogni video individualmente alle persone che mi hanno contattato per averlo. Quindi, quando Internet è arrivato, è stato per me un vero miracolo in termini di promozione dei miei film, ricerca e collaborazione con distributori e quant’altro. È stata davvero una rivoluzione!

 

D.Bruce, staremo qui per ore. Ma non vogliamo approfittarne e soprattutto speriamo di potervi intervistare nuovamente, magari par discutere di un’altra tua passione, la fotografia. Ti ringraziamo nuovamente per la disponibilità e ti chiediamo un ultima cosa. Stai lavorando a qualche nuovo film? Cosa ti auguri per il tuo futuro sia personalmente che professionalmente?
R.Ho appena finito di girare due cortometraggi per Erika Lust che usciranno presto. Uno si chiama “Scotch Egg”, ispirato a Irvine Welsh. Laltro si chiama “Valentin, Pierre y Catarina”, che si ispira a “Jules et Jim” di Truffaut. Ho anche un film in cantiere che si chiamerà “Saint-Narcisse” , inizierò le riprese il prossimo anno se tutto andrà bene, con lo stesso produttore di “Gerontophilia”. Spero di continuare a realizzare sia film d’autore con budget importanti che film artistici-pornografici a basso costo. Mi piace “giocare su entrambi i lati del recinto”.

Contatti
Sito Bruce LaBruce: brucelabruce.com
Sito HPFF: hackerpornfest.com

Share
Etichettato , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X