Foto smontaggio del corpo e delle emozioni – Intervista a Ángela Burón.

Share

“…sono disinteressata ai vestiti, quindi è sempre più facile toglierli piuttosto che sceglierne uno che sembra bello”  Ángela Burón

© Ángela Burón

Gli occhi al posto delle tette, mani al posto della testa o dei piedi, culi con i capezzoli. Le scomposizioni di Ángela Burón non hanno limiti, così come la sua fantasia. Spesso è il soggetto delle sue foto, provocando, ma non troppo, il fruitore finale dei suoi scatti. Le sue foto sono un gioco e un modo per esorcizzare le sofferenza della sua vita, superare lo stress causato dai non troppo felici rapporti interpersonali che spesso la giovane artista si è trovata ad affrontare. La sua precisione nei fotomontaggi è nata grazie alla gavetta iniziata con Paint. Si avete capito bene, Ángela Burón riusciva a realizzare fotomontaggi reali con Paint. Una pazza, o meglio un genio. Era naturale e auspicabile che il suo percorso maturasse grazie all’utilizzo di Photoshop, avendo tra le mani un mezzo dalle potenzialità infinite unite al suo estro. Da due anni non espone ma noi ci auguriamo che presto possa tornare a stupirci con i suoi scatti. Spazio quindi alle risposte, queste reali e composte, di Ángela Burón.
Buona lettura e buona surreale visione.

Ángela Burón

Domanda.Felici di poterti intervistare Ángela per prima cosa ti ringraziamo per il tempo che ci hai concesso. La prima curiosità riguarda i tuoi inizi. Quando e cosa ti ha fatto appassionare alla fotografia?
Risposta.Ho iniziato a scattare foto con una fotocamera compatta regolarmente quando ero all ‘università. Ma è stato fino all’età di 24 anni quando ho avuto una fotocamera reflex e ho iniziato a sperimentare con gli obiettivi e aperture e la compatta non mi permetteva . Durante i primi anni ho portato con me la macchina fotografica ovunque e ho sparato senza fermarmi. Per pura statistica ho iniziato a catturare momenti che mi sembravano curiosi e a poco a poco ho educato i miei occhi.

 

D.A 23 anni hai lasciato un potente software come Paint, per approdare ad uno più discreto come Photoshop, com’è stato il passaggio?.
R.Da bambina passavo ore a fare sciocchezze in Paint. Quando sono diventata più grande ho iniziato a fare cose più complicate, fotomontaggi realistici … in Paint. Persone che conoscevo mi hanno convinto ad installare Photoshop, ma è passato quasi un anno da quando l’ho installato fino a quando ho aperto un file e ho iniziato a sperimentare. Da allora ho imparato e sto ancora imparando, cercando di trovare un modo per fare ciò che voglio ogni volta.

© Ángela Burón

D.Ti innervosisce chi si definisce “un artista”, e chi parla in terza persona. Perchè questo fastidio?
R.Penso che la parola sia distorta. Le parole possono cambiare il loro significato attraverso l’uso che viene loro dato e in questo caso la parola artista significa troppe cose con cui non mi identifico e che non sembrano nemmeno rispettabili. Per me, la definizione di un artista sarebbe qualcosa come … una persona che sente il bisogno di creare qualcosa dal niente più che le sue emozioni o pensieri, usando gli strumenti a sua disposizione e superando se stesso nel tentativo. Penso che questa definizione, fino ad oggi, sia troppo grande per definirmi cosi.

 

D.Le tue foto sono surreali e assurde, un visione onirica del corpo umano. Qual è stato il tuo percorso individuale e artistico che ti ha permesso di arrivare a realizzare questi scatti?
R.Credo che le relazioni interpersonali siano sempre state fonte di grande stress e sofferenza nella mia vita. Mi hanno portato a cominciare a manipolare il corpo e deformarlo. C’è un’altra persona dietro a quasi tutte le mie foto, e in generale un’emozione spiacevole. Trasformare quell’emozione in una risata è uno dei migliori sentimenti che ho provato nella mia vita.

© Ángela Burón

D.Un altro aspetto di molti dei tuoi lavori, è la sensualità. Tagli, cuci, incolli i corpi riuscendo spesso a mantenerli vivi, erotici. Ma cos’è per per l’erotismo?
R.La mia sessualità è qualcosa di molto privata per me, sono estremamente modesta e timida in termini di nudità, quindi evito di essere esplicita, anche se mi piace provocare. Mi piacciono le forme del corpo e mi piace la texture della pelle. Inoltre, sono disinteressata ai vestiti, quindi è sempre più facile toglierli piuttosto che sceglierne uno che sembra bello. Per quanto riguarda l’erotismo, non considero le mie foto erotiche. So che l’erotismo è negli occhi dell’osservatore, perché i miei genitori vedono le mie foto e non hanno allucinazioni.

© Ángela Burón

D.Spesso sei il soggetto delle tue foto, che poi magistralmente stravolgi. Che rapporto hai con il tuo corpo?
R.Accetto il mio corpo e lo apprezzo così com’è. Sarebbe molto ingrato non farlo, poiché mi contiene, mi prende, mi permette di comunicare con l’esterno e mi fa divertire. Nelle foto, il mio corpo è materia prima, lo modifico spudoratamente e senza alcun tipo di rimorso per ottenere ciò che voglio. Non capisco perché la gente pensi che se riesco a trasformare i piedi in mani non riesco a trasformare un corpo normale in un corpo perfetto. Il mio corpo non è come sembra nelle foto, il mio corpo è reale.

© Ángela Burón

D.C’è un fotografo o una fotografa che ti piace particolarmente e esiste qualcuno a cui ti sei ispirata?
R.Adoro Miss Complex, 3cm e Pau Buscató. Per molti anni ho seguito da vicino Ibai Acevedo e lui mi ha influenzato molto. Oggi prendo la fotografia come qualcosa di più personale, qualcosa che faccio quando ho bisogno di parlare con me stessa, quindi non permetto a nessuno di intossicare ciò che faccio .

 

D.Anche io adoro i videogioco di Indiana Jones, qual è il tuo tuo preferito?
R.Domanda difficile … forse “L’ultima crociata”. Adoro le grafiche di quel tempo. A mio avviso, i videogiochi sono in declino da allora.

© Ángela Burón

D.Da piccola volevi diventare un inventore. Una cosa di bellissimo sei riuscito ad inventarla. Ed è la tua arte. Oltre a questo hai inventato altro?
R.Oh, no. Un peccato. Mi piace lavorare con le mani e mi piacerebbe avere un laboratorio in cui costruire le cose, anche se fossero solo mobili. Ma non ho avuto l’opportunità o la necessaria pazienza. Forse un giorno succederà. Al momento mi sto dedicando a “invenzioni digitali”, lavoro nel software design e questo mi consente di soddisfare il mio desiderio di risolvere problemi e inventare cose ..

 

D.Prima di salutarti, dove possiamo incontrare Ángela Burón e le sue opere? Mostre in programma ? E cosa, la tua mente folle e geniale, ci riserverà per il futuro?
R.Per molto tempo ho provato a far in modo che la fotografia occupasse un ruolo da protagonista nella mia vita, ma ciò mi ha portato molta instabilità e incertezza, quindi negli ultimi mesi ho lavorato duramente per raggiungere una stabilità che mi permettesse di godermi la fotografia come via di fuga e come pura attività ludica. In questo momento la mia vita sta ancora cambiando molto e non ho il tempo di organizzare una mostra, ma ho intenzione di farlo in un futuro non troppo lontano. Attualmente vivo a Londra, quindi vorrei approfittare delle opportunità di questa città ed esporre ciò che ho fatto dall’ultima mostra, nel 2015.

 

Contatti
Facebook: facebook.com/buronangela
Instagram: instagram.com/angelaburon

Share
Etichettato , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *